Sei qui: Home Sant'Antiogu Santu Sulcitanu
Indice
Sant'Antiogu Santu Sulcitanu
Pag. 2
Pag. 3
Pag. 4
Pag. 5
Tutte le pagine

SepolcroUna lapide, anche questa databile allo stesso periodo rinvenuta nel 1615 sulla tomba che si suppone quella del santo cristiano, attesta la storicità del personaggio. L'iscrizione è da ritenersi, verosimilmente, come il documento più antico che riguarda Antioco; in questa è detto santo - BEATI SCI ANTHIOCI - e vescovo - PONTIFICIS XRI -. Le strutture originarie della chiesa sono tipiche dell'architettura bizantina. La cupola è senza dubbio l'elemento architettonico più importante e presenta come quella di S. Saturno di Cagliari, le scuffie agli angoli del quadrato su cui imposta, particolare costruttivo del IV-V secolo.

Questa lapide attesta che il culto di S. Antioco è antichissimo e forse già conosciuto prima del VI secolo. Nel 1089 il Giudice Costantino donava ai monaci Vittoriani di Marsiglia la chiesa di S. Antioco in Sulcis e questa, il 13 luglio 1102, veniva riconsacrata, dopo alcune riparazioni, dal vescovo Gregorio. Nel 1124 un altro Giudice di Cagliari, Mariano Torchitorio, donava al Santo tutta l'isola sulcitana che dal quel momento prenderà il nome di Isola di Sant'Antioco.

Importantissima è la donazione fatta dalla Giudicessa Benedetta di Lacon Massa e da suo figlio Guglielmo, Giudice della Provincia di Cagliari, a favore del Vescovo di Sulcis Bandino e dei suoi successori. La donazione è redatta in un vivace volgare sardo, ormai totalmente sganciato dal ruolo ancillare che aveva avuto in un primo tempo nei confronti del latino cancelleresco è riportata da Padre Salvatore Vidal nel suo manoscritto "Vida Martirio y Milagros de San Antiogo" conservato presso la Biblioteca Universitaria di Cagliari.

La trascrizione è tratta dall'originale contenuta in un libro intitolato Registro che Vidal afferma essere conservato nell'Archivio della Cattedrale di Cagliari.

Giovanni Pirodda sottolinea a proposito di questo testo la precocità, rispetto alle altre aree culturali, con cui il sardo afferma la propria emancipazione dall'oralità. "Ma ciò che risulta singolare al confronto con le situazioni parallele del mondo neolatino è il fatto che il volgare sardo si presenta fin dagli inizi come una delle lingue ufficiali delle cancellerie, in alternativa al latino, senza passare, come altrove, attraverso forme subordinate, come quelle della glossa e della citazione. I documenti sardi, esclusa l'invocazione iniziale, nascono già completamente volgari, o completamente latini: questi ultimi, di notevole correttezza linguistica e talora di apprezzabile eleganza; mentre i primi manifestano una rilevante coscienza dei problemi connessi alla scrittura del volgare e una buona attrezzatura culturale".

G. Pirodda, La Sardegna, Brescia, Editrice La Scuola,1992.

 

Ecco il testo:

Hoc est traslatum, copia, et exemplum bene, et fideliter sumptum in Castro Calari, die 4, mensis Augusti, ano á quodam libro, appellato Mare Magnum episcopatus Sulcitani: non uiciato, non cancellato, nec in aliqua sui parte suspecto; omniprorsus uitui, et suspicione carente, cuius tenor sequitur, sub his uerbis. In nomine Domini. Amen.

 

Ego Benedita de Lacono, Donna de Logu, cun fillu miu Doniguellu Guillelmu, pro uoluntade de Deus, Podestandu parte de Caralis, fazu custa carta pro beni quillat fatu a su Donnu miu Santu Antiogu de isola de Sulki: dau illoi a sa iscla de Finugu, e a iscla de Logos, e a Cortinas: a iscla Masonis: a iscla Maiori qui est inter aquas a Corru de ponti, qui sunt custas isclas da y su ponti inoghi in qui intrant ayntru de isola de Santu Antiogu, et sunt da in chi de sa Clesia de Santu Speradu, de ponti fini a sa terra firma. Custas isclas imoi dau cum omnia causa cantu si appartenint a pusti custas isclas quindi fazat su Donnu su Piscubu miu de Sulchis, Maystru Bandinu su qui li at a plaguiri a uoluntade sua, segundu faguit de sas ateras causas de su Piscobadu suu, qui sunt in balia sua: a issu, et a totus sos Piscobus cantu ant esseri pusti issu in su Piscobadu de Sulchis: bollant pasquiri cun pegulia issoru: bollant fayri imoi silua, o fayri chircas, o piascari, o fayri veruna atera causa, qui torrit a proi a Santu Antiogu, et a su Piscobadu de Sulchis. Et dau illoi su saltu miu de genna de Codriglia, totu in qua si segat, et segasi custu saltu daba sus coronius, et tenet de monti desa in qua partit deretu, et de Iscolca, et deretu a gruta de manus; et tenit sa bia dereta a sa buca de cabu daqua et essit deretu a sas arjolas, et torrat si deretu a sus coronjus da undi si cominsant custas isclas, et custu saltu; dau a su Donnu su miu Santu Antiogu [...] d'iscla de Sulchis a dispiliadu, qui no lay apat perunu homini a leari, non pro su Regnu, et non propter una altera personi, exceptu qui essirit a uoluntadi de su donnu, su Piscobu miu de Sulchis Maystru Bandinu: a fayrindi su qui at plaguiri a issu, et a sus aterus Piscobus qui ant essiri pusti issu in su Piscobadu de Sulchis: et apant balya de ponniri illoi castiu a gussu qui si castiat suta su Donnu Padri miu Guillermu Marquesi. Et daulloi a su donnu miu santu Antiogu de iscla de Sulchis omnia et cantu apu de su saltu miu, et de semidas de banjuy cun aquas, et cun linna, et cun totus sas causas cantu si apartenint apusti custu saltu. Et segat si custu saltu de banjui dabba Genna majori, et calat si guturu a sitibuzu, et deretu a bau de proni, et intrat a guturu darriu, et intrat in su guturu de aqua bona: et essit a assa arjola de Fadarta: et essit a guturu de sorigellu et lleuat si prora de genna Ligis cun totu su monti de Vdalba, et calat deretu a genna de porta; et calat guturu de cunjadura, et essit a miças de Genari, et torrat a genna de Tesonis, et calat deretu a mortu basyli, et pesatsi a guturu pizinnu, et leuatsi sa prora de Candelauu, et torrat a genna Mayori de undi si cuminsat. Dau illos a su donnu miu Santu Antiogu [de sa] iscla de Sulchis omnia, et cantu apu de su saltu, et de semidas de su legi, cun aquas et cun linna, et cun totus sas causas cantu si aprtenint apusti custu saltu. Et segat si custu saltu da su flumini de sa uila de Flumentepidu, in qua essit a Masunja de Pintu, et essit a Corongiu de Maulis, et essit a gennas de Sula, et tenit sa bia deretu a Cannameda, et torrat a giba Arrubia de Maserus, et essit a giba de Marcu, et jumpat a pare de Forru; et essit a bia de Forru, et essit a sa bia de flumen tebidu, et torrat si deretu Creadis.

Anno M.CC.XVI.XI Kal. Junij.

 

("Io Benedetta di Laconi, Signora del Luogo, insieme a mio figlio Donnichellu Guglielmo, per volontà di Dio, governando la regione di Cagliari, faccio questo scritto per il bene che ha fatto al mio Signore, S.Antioco dell'isola di Sulcis: gli dono le terre di Finugu, le terre di Logos, e quelle di Cortinas; le terre di Masonis e quelle di Maiori che sono fra le acque a Corru de ponti. Queste terre vanno dal ponte in qua ed entrano dentro l'isola di Sant'Antioco, e vanno dalla chiesa di Santu Speradu, dal ponte fino alla terra ferma. Queste terre ora dono con le loro pertinenze e con tutto ciò contengono, perchè il Signor Vescovo mio di Sulcis, Maestro Bandino, ne faccia ciò che gli piacerà secondo la sua volontà, come fa per le altre cose del suo Vescovado che sono in suo possesso: le

dono a lui e a tutti i vescovi che ci saranno dopo di lui nel Vescovado di Sulcis: che vi facciano pascolare il loro bestiame, che facciano legna, questue, peschino o facciano qualsiasi altra cosa che torni a vantaggio di S.Antioco e del Vescovado di Sulcis..").

 

Presbiter Dominicus Canonicus Santae Ceciliae testis.

Presbiter Marianus Scartellus testis.

Petrus Acolitus testis.

 

Si † gnum mei Andreæ Barbenæ autoritate Regia Notarij publici Valentini, et per totam terram, et Dominationem Illustrissimi Domini Regis Aragonum huiusmodi exempli testis.

Sig † gnum mei Jacobi Cerbero autoritate Regia Notarij publici, huiusmodi transumati testiis. Copia permissorum omnium et singolorum fuit abstracta sicut supra dicitur bene, et fideliter cum supra scriptis connotarijs comprovata, et per substitutum a me notario infrascripto. &ceter. Et ut fides indubia in iudicio, et extra iudicium impendatur Ego Andreas Castellar Autoritate Regia Notarius publicus per totum Sardiniæ Regnum, meumque solitum artis Notariæ apposui Sig † gnum.

(Vida... I, pp 216-224)