You are here Home Rassegna stampa Gli inventari dell'ex asilo diventano archivio storico
PDF  Print  E-mail  Sunday, 12 January 2003 01:00
There are no translations available.

Cento anni di storia restituiti al paese.

A dare una mano alla memoria storica è stato il ministero dei Beni Culturali. Nei giorni scorsi ha dato parere favorevole alla consultazione degli inventari, quasi centenari, dell’archivio dell’ex asilo infantile “Carlo Sanna”. «Un’altra opportunità per i cittadini che potranno consultare atti e registri per motivi legati alla memoria e al ricordo - afferma Marco Massa, responsabile dell’archivio storico comunale - ma anche utili allo studio, alla ricerca per chi, magari, volesse elaborare una tesi universitaria». I registri e gli inventari si trovano nell’archivio storico comunale di via Castello dove ha sede la cooperativa “Studio 87” che cura l’archivio storico e che li ha riordinati. La prima parte, che va dal 1918 al 1929, riguarda l’asilo “Concordia”, che si trovava nei locali dell’ex Monte Granatico dell’odierna via Regina Margherita, prima di essere trasferito e cambiare nome. Infatti vista la crescita demografica della cittadina si rese necessario avere locali più grandi. Fu deciso così di erigere un nuovo asilo. La scelta del terreno dove costruirlo cadde sull’area dove, sino a pochi anni prima, si trovava il vecchio cimitero. La costruzione fu ultimata nel 1930 e, con regio decreto di Re Vittorio Emanuele III, per la sua gestione fu costituito l’ente morale “Asilo generale Carlo Sanna”. L’asilo che è ancora in attività in via Massimo d’Azeglio è sempre gestito dalle suore ed è ritenuto una vera istituzione. Per molti, che rivestono oggi importanti cariche nella vita civile e politica cittadina è un onore ed un vanto avere frequentato l’asilo infantile delle suore la cui gestione, dal 1986, è passata alla gestione del Comune.Tito Siddi

Fonte Unione Sarda