Sei qui: Home Rassegna stampa Patos tra i nuraghi
PDF  Stampa  E-mail  Mercoledì 30 Aprile 2003 01:00

Patos tra i nuraghi

La valorizzazione del Sulcis Iglesiente attraverso la riscoperta dei nuraghe costieri del Sud Ovest e del ricco patrimonio artistico e culturale.

È il progetto “Equal Sardegna Sud Ovest Patos” presentato ieri a San Giovanni Suergiu. Patrocinato dalla Regione, il progetto Patos (Patrimonio artistico turistico per l’occupabilità nel Sulcis) nasce con l’intento di sperimentare nuove opportunità di lavoro. L’iniziativa, che potrà contare su un finanziamento europeo di 980 mila euro, si articola in quattro fasi: la realizzazione di un sito web e azioni di marketing, la creazione di un centro per la progettazione e la programmazione delle iniziative, la formazione di operatori delle cooperative e della pubblica amministrazione e, infine, l’individuazione e la formazione di nuove figure professionali. Vi partecipano i Comuni di San Giovanni Suergiu, Carbonia, Giba, Villamassargia, Calasetta, Sant’Anna Arresi e Sant’Antioco (capofila), l’Ateneo di Cagliari, l’Enap, la Confartigianato provinciale, il Consorzio turistico “L’altra Sardegna”, la società “Fidia Sud” e la cooperativa “Studio 87”. Il progetto sarà introdotto sabato 3 maggio, nel Centro culturale De Gasperi di Sant’Antioco, dal convegno “Colonne d’Ercole. Un’inchiesta” sul libro omonimo dello scrittore Sergio Frau. Nella stessa occasione verrà inaugurata “Nur”, una mostra fotografica itinerante (sui nuraghi costieri del Sud Ovest e sui metalli). Dopo qualche settimana, la mostra sarà trasferita a San Giovanni Suergiu e, poi, a Carbonia. Maurizio Locci

Fonte Unione Sarda